Sorella Acqua ...diceva San Francesco..Elemento imprescindibile

tevere

L'Umbria, una regione lontana dal mare eppure regno "dell'Acqua", già gli antichi etruschi scavavano pozzi e costruivano cisterne alla ricerca del bene prezioso, come ad esempio i siti nei pozzi della Cava e di San Patrizio a Orvieto, una delle meraviglie del mondo. La civiltà in Umbria si e sviluppata lungo le vie fluviali principali come quella del Tevere e del fiume Nera le quali sono state le grandi vie commerciali dell'antichità ed hanno favorito il sorgere di città, di ponti e di luoghi di culto.

Il Tevere nei millenni ha mutato numerose volte il suo corso, sia per eventi naturali che per opera dell'uomo, ma continua a formare l'ossatura idrica della regione, costituendo oggi tra le citta di Todi e Orvieto, fino al lago di Alviano, il Parco Fluviale del Tevere.

Il Parco Fluviale del Tevere e' una vasta zona dove si alterna il riposante scorrere del fiume lento e sinuoso a paesaggi superbi delle Gole del Forello. Lungo il suo corso ci sono numerosi siti interessanti come Grotte della Piana, l'Eremo Camaldolese della Pasquarella, e il Convento di Pantanelli. Il medio corso del Tevere interessa la provincia di Terni, poi il fiume poco dopo Todi, scorre tra le suggestive gole del Forello. All'altezza di Corbara, una diga ne sbarra il corso formando un invaso artificiale, qui si praticano attivita sportive come pesca, canottaggio, torrentismo, attivita speleologiche e trekking. Si immette poi nel lago di Alviano proseguendo in territorio amerino dove riceve il Rio Grande.

Ma a tutela della salvaguardia della flora e della fauna in Umbria, affinché le acque rimangano limpide ed integro il manto dei boschi, sono stati creati altri parchi e riserve come Il parco Fluviale del Nera, quello della Valdiserra, di Villalba, dell'Elmo, dei Settefrati.

Parchi e riserve naturali proteggono i delicati equilibri degli ambienti di montagna e delle zone umide, perché nel "Cuore verde d'Italia" il rapporto tra uomo ed ambiente è un rapporto privilegiato, dove il rispetto per la natura e l'attenta tutela dell'ambiente è parte integrante dei valori e della cultura dei suoi abitanti.

La valle del Nera, comprende il territorio interessato dal corso del Nera-Velino e il tratto della Valnerina ternana, fino alla Cascata delle Marmore, a soli 30 minuti da Spoleto. È una zona che allo stesso tempo presenta caratteri aspri e selvaggi, ma anche maestosi e riposanti: rilievi boschivi, acque cristalline, natura incontaminata.

top